Il rischio “Polexit” è concreto?

Lo scontro tra UE e Polonia si arricchisce di un nuovo capitolo.  La Corte costituzionale del Paese si è pronunciata giovedì 7 ottobre con una sentenza che stabilisce la prevalenza del diritto nazionale su quello europeo. Dall’ascesa nel 2015 del partito polacco di estrema destra PiS (Diritto e Giustizia) il rapporto tra Varsavia e Bruxelles non è stato certamente idilliaco a causa delle politiche illiberali del governo: sono finite sotto la lente di ingrandimento … Continua a leggere Il rischio “Polexit” è concreto?

Proteste nel porto più grande di Europa. Cosa è accaduto a Rotterdam?

Lunedì 4 ottobre, a Rotterdam, più di 80 attivisti di Greenpeace hanno bloccato l’accesso alla raffineria di petrolio della Shell, la più grande d’Europa, come parte della campagna lanciata dalla ECI (European Citizen’s Initiative) che cerca di bandire le pubblicità dei carburanti fossili. Per bloccare l’accesso gli attivisti hanno utilizzato dei kayak, dei grossi cubi … Continua a leggere Proteste nel porto più grande di Europa. Cosa è accaduto a Rotterdam?

Fatta l’Europa, è ora di fare gli europei?

All’indomani della Seconda Guerra Mondiale, i processi costituenti avviati all’interno dei vari Stati Europei svelarono un esistente bisogno di istituzioni aldilà dello Stato nazionale, aprendo così la strada ai diversi governi ad una dimensione internazionale.  Nonostante le promettenti premesse, il processo di creazione di un’Europa oltre gli Stati ha visto l’alternarsi di momenti di grande … Continua a leggere Fatta l’Europa, è ora di fare gli europei?

Cap. I – Terrorismo, Francia, separatismo, Erdogan. Ricomponiamo il puzzle.

In questo 2020 abbiamo assistito ad un’avanzata del Terrorismo in Europa. Anche se riportare stime precise è difficile, perché difficile è definire con sicurezza se un attacco è di matrice jihadista o meno, è indubbio che la Francia sia uno dei Paesi maggiormente colpiti, da sempre nel mirino degli estremisti islamici sia per le memorie … Continua a leggere Cap. I – Terrorismo, Francia, separatismo, Erdogan. Ricomponiamo il puzzle.

Serbia: cittadini in rivolta. Una Repubblica parlamentare parzialmente democratica?

Cosa sta accadendo in Serbia? Le nuove restrizioni annunciate dal presidente Aleksandar Vučić per fronteggiare la nuova ondata di coronavirus - successivamente ritirate - hanno scaturito dure proteste in Serbia. A partire dal 7 luglio i cittadini si sono riversati nelle strade scaturendo la brutale reazione della polizia. Secondo il NYTimes, alcuni analisti hanno dichiarato … Continua a leggere Serbia: cittadini in rivolta. Una Repubblica parlamentare parzialmente democratica?