Bielorussia: “The show must go on”.

Sabato 9 Maggio si è svolta in Bielorussia, come da tradizione, la parata per celebrare il 70esimo anniversario dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. La piazza di Minsk era gremita da 11mila spettatori, chiamati ad assistere alla parata dei 3mila soldati, accompagnati da decine di aerei e centinaia di mezzi militari (150 secondo Il Fatto Quotidiano, 180 secondo Al Jazeera), alcuni risalenti proprio alla WWII. L’insistenza del presidente Alexander Lukashenko sull’andare avanti contrasta con quanto accaduto nella vicina Russia. Il Cremlino ha ridimensionato le celebrazioni nel mezzo di un aumento nei casi di coronavirus e ha rinviato la solita sfilata militare sulla Piazza Rossa.

Ci saranno persone che ci condanneranno“, ha detto Lukashenko. Rivolgendosi a tali critici: “Non abbiate fretta di trarre conclusioni, figuriamoci condannare noi, gli eredi della vittoria, i bielorussi … Semplicemente non potevamo fare diversamente, non avevamo altra scelta“. La Bielorussia di Alexander Lukashenko, che la governa col pugno di ferro da oltre 25 anni, ha scelto di sfidare persino il distanziamento sociale adottato negli altri paesi a causa del coronavirus, in nome della Ragion di Stato.

Il giornale locale Belta enfatizza le parole del presidente, che vestito in uniforme militare e circondato da generali, ha dichiarato: “Questa festa è sacra per noi. La tragedia accaduta nella nazione bielorussa, che ha sopportato l’onere titanico delle perdite e della distruzione della guerra più crudele del 20° secolo, è incomparabile con tutte le difficoltà di oggi. Solo il pensiero di tradire la tradizione di glorificare le grandi gesta dei vincitori è impensabile per noi

La decisione del presidente è stata criticata sia all’estero che nel paese, dove oltre 13mila persone hanno firmato una petizione per annullarla (come hanno fatto praticamente tutti in Europa) e utilizzare i fondi per acquistare ventilatori per gli ospedali. La Bielorussia è l’unico paese europeo, tra le altre cose, a tenere aperti i campionati di calcio, con tanto di tifosi sugli spalti.

Giuseppe Staniscia

Foto: @TheDeadDistrict via Twitter

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...