OMS: TEDROS ADHANOM E LA CINA.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità è l’agenzia specializzata per le questioni sanitarie delle Nazioni Unite fondata il 22 luglio 1946 ed entrata ufficialmente in vigore il 7 aprile 1948, ha sede a Ginevra e vi aderiscono 194 stati. L’OMS ha una costituzione che spiega chiaramente quali sono gli obiettivi da essa perseguiti: “il raggiungimento, da parte di tutte le popolazioni, del più alto livello possibile di salute”, definita come “uno stato di totale benessere fisico, mentale e sociale” e non semplicemente “assenza di malattie o infermità”.

Il Ministero della Salute italiano descrive così le funzioni dell’organizzazione: “L’OMS è l’organismo di indirizzo e coordinamento in materia di salute all’interno del sistema delle Nazioni Unite. Tra le altre funzioni, è impegnata a fornire una guida sulle questioni sanitarie globali, indirizzare la ricerca sanitaria, stabilire norme e standard e formulare scelte di politica sanitaria basate sull’evidenza scientifica; inoltre, garantisce assistenza tecnica agli Stati Membri, monitora e valuta le tendenze in ambito sanitario, finanzia la ricerca medica e fornisce aiuti di emergenza in caso di calamità. Attraverso i propri programmi, l’OMS lavora anche per migliorare in tutto il mondo la nutrizione, le condizioni abitative, l’igiene e le condizioni di lavoro”. Tutti questi obiettivi sono racchiusi in un’agenda composta da 6 punti che rappresenta il punto di riferimento dell’operato dell’agenzia: due obiettivi di salute, ossia promuovere lo sviluppo e incrementare la sicurezza sanitaria; due necessità strategiche, ossia potenziare i sistemi sanitari e mettere a frutto la ricerca, le informazioni e le evidenze scientifiche; due approcci operativi, ossia intensificare i partenariati e migliorare la performance.

L’OMS si avvale di organi di governo ossia il Segretariato, l’Assemblea Mondiale ed il Consiglio Esecutivo, dei 6 uffici regionali in cui è articolata, dei propri uffici dislocati negli Stati Membri e dei centri collaboratori che supportano le sue attività. Essa ha un bilancio proprio creato grazie alle donazioni dei paesi che vi aderiscono, tra il 2018 ed il 2019 questo bilancio contava 4,4 miliardi di dollari.

A seguito dello scoppio della pandemia di COVID-19 gli Stati Uniti hanno attaccato l’Organizzazione Mondiale della Sanità e il direttore generale di questa, l’etiope Tedros Adhanom, per la cattiva gestione dell’emergenza e per la troppa vicinanza dell’organizzazione alla Cina. Trump il 15 aprile ha interrotto l’erogazione di soldi dei fondi americani all’OMS pari a 400 milioni di dollari l’anno (40 milioni sono il contributo cinese) poiché il Governo Americano in concerto con i servizi segreti hanno intenzione di condurre un’indagine meticolosa per verificare la fondatezza della propria tesi: Pechino influenza le decisioni dell’OMS e quest’ultima avrebbe coperto i ritardi del Governo cinese nel comunicare la diffusione del virus. Quasi tutte le potenze hanno criticato il duro rimprovero di Trump, tranne la Francia che in modo più pacato attraverso il Ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian ha comunicato che sicuramente l’organizzazione non ha avuto reattività ed autonomia e che ci sono caratteristiche dell’OMS che non hanno permesso di svolgere il proprio lavoro e quindi allertare la comunità internazionale. Non sono passate inosservate agli occhi dei Governi e dell’opinione pubblica internazionali le azioni poste in atto dall’organizzazione che era stata avvertita già il 31 dicembre. L’OMS è stata sempre ritenuta un’organizzazione sanitaria dei paesi poveri del sud del mondo, per l’ultima elezione del direttore generale nel 2017 nessun paese occidentale si è preoccupato di insediare un proprio candidato, tanto più Trump che con il suo “America First” non voleva occuparsi più di queste responsabilità. Ecco perché la Cina ha sostenuto fortemente l’elezione di un etiope, figlio di un’Africa che negli ultimi 20 anni è stata cresciuta a guerre ed accordi bilaterali con Pechino, senza dimenticare che la Cina è la prima fonte d’investimenti esteri e il primo partner commerciale dell’Etiopia. Secondo un istituto indipendente cinese, Fondation pour la Recherche Stratégique, la Cina ha messo in atto una vera e propria strategia a lungo termine per aumentare la propria influenza nelle agenzie ONU. Perciò grazie ai voti dei paesi africani, l’elezione di Tedros è stata possibile, e quest’ultimo non ha mai nascosto la propria preferenza nei confronti di Pechino proponendo una via della seta sanitaria tra Cina e Africa. Infatti, subito dopo l’insediamento è stato soppresso lo status di osservatore di Taiwan, che ha uno dei migliori sistemi sanitari al mondo. Taiwan è de facto una Repubblica separata dalla Cina ma non riconosciuta da molti stati e la Cina da anni sta combattendo per riannetterla ed avere “una sola Cina” e proprio queste azioni indirette sembra cerchino di intimidire il Governo di Taiwan. È quindi palese un’influenza geopolitica cinese sia sull’OMS sia sulle decisioni degli stati africani che sono stati persuasi a votare per Tedros sempre attraverso una strategia di Soft Power, che denota che i cinesi in questo momento nella diplomazia internazionale stanno camminando un passo avanti a tutti gli altri stati. L’OMS non è nuova a certe accuse, nel 2003 è stata accusata per la cattiva gestione della SARS, nel 2009 per l’H1N1 e nel 2013 per la diffusione dell’Ebola in Africa, per quest’ultima occasione poi nel 2015 è stata costretta a scusarsi ma l’organizzazione era già stata bollata come politicizzata, troppo burocratica e troppo lenta nel funzionamento dallo storico della sanità Theodore Brown. Le ripercussioni di questo mancato allarme all’epidemia si vedranno nel momento in cui tutto cesserà e potranno essere tirate le somme, è certo che in alcuni paesi come la Germania i giornali stanno aizzando l’opinione pubblica contro l’operato della Cina e pretendono dei risarcimenti.

Noemi Brancazi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...